Musica: crolla il CD, tiene il vinile, esplode lo streaming

http://www.dday.it/redazione/10101/Musica-digitale-crolla-il-CD-sale-il-vinile-esplode-lo-streaming.html

Mentre continua il dibattito sulla sostenibilità della musica in streaming per provider e artisti, i dati confermano che agli utenti ascoltare la musica con servizi come Deezer o Spotify piace e parecchio. Due studi, sul mercato negli Stati Uniti e in Svezia, danno una lettura simile sulla prima parte del 2013: il CD sta diventando sempre più irrilevante, il download digitale tiene solo per gli album, mentre lo streaming sta cannibalizzando il download delle singole tracce.

Negli Stati Uniti i dati di Nielsen e Billboard dicono che gli album in digital download hanno segnato un +6.2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (gennaio – giugno), mentre i download singoli sono scesi del 2.3%. Complessivamente il download vale il 43% di tutte le vendite di musica. In raffronto le vendite di CD sono scese di un altro 14.2% rispetto l’anno precedente. Crisi del supporto fisico? Non del tutto, visto che il vinile continua a vivere una sua seconda giovinezza con vendite in aumento del 33.5%. La crescita maggiore però la mostra appunto lo streaming, che complessivamente ha visto un’impennata del 38%, totalizzando, nei primi sei mesi del 2013, 50 miliardi di stream tra audio e video.

I dati sullo streaming sono però più estremi in Svezia. Nel paese natale di Spotify, infatti, lo streaming vale il 70.3% di tutto il mercato della musica (dati IFPI). La musica digitale vale nel complesso il 75% del mercato svedese dell’industria discografica, con il CD che perde un altro 24% rispetto lo scorso anno. Quello che però stupisce è come il digital download in Svezia valga appena il 6% di tutto il mercato della musica digitale, con una netta predominanza dello streaming. E così, nonostante una crescita complessiva del settore del 33%, il risultato è che i margini per gli artisti si assottigliano sempre di più, considerando il divario che c’è tra diritti per il download e lo streaming. Ma la buona notizia è che l’industria discografica nel suo complesso ha arrestato la sua discesa e per ora un risultato lo streaming lo ha raggiunto, mettere un freno alla pirateria.